IL VASO DI PANDORA

Dialoghi in psichiatria e scienze umane - Vol. XXI, N. 2, 2013

 

Sommario

 

Editoriale

Cristina Rambelli

pag. 7

 

TRA PRASSI E TEORIA

Depressione Cronica/Ricorrente

Antonio Maria Ferro

pag. 11

 

APPUNTI DI VIAGGIO

Epidemiologia della schizofrenia: nuove acquisizioni e nuove suggestioni

Giacinto Buscaglia, Panfilo Ciancaglini

pag. 45

 

QUATTRO PASSI PER STRADA

L’autore di reato con problemi psichiatrici

Pasquale Pisseri

pag. 63

 

OLTRE…

Il cuoco e l’informatica: ma che razza di menù!!

Roberta Antonello, Paola Bartolini

pag. 73

 

Editoriale

In questo numero de “Il Vaso di Pandora”gli autori hanno portato le loro considerazioni su argomenti estremamente discussi della psichiatria, arricchendo e attualizzando il tutto anche con il resoconto congressuale firmato da Pisseri.

Il numero inizia con un articolo di Ferro che, attraverso un inquadramento storico dei sintomi della depressione, ripercorre la concezione del vissuto temporale nella depressione e affronta quindi successivamente nel dettaglio i diversi orientamenti del trattamento psicoterapico.

Nell’articolo vengono confrontate le varie metodologie psicoterapiche sulla base anche di un’analisi dei relativi vantaggi e svantaggi, che offrono al lettore diversi spunti di riflessione sull’intervento integrato psicofarmacologico e psicoterapico della patologia depressiva resistente al trattamento.

Nella seconda parte dell’articolo, l’autore entra quindi nella pratica clinica e fornisce delle indicazioni interessanti su come debba muoversi lo psichiatra/psicoterapeuta nella relazione con il paziente, prendendosi cura della sua sofferenza da un lato e, dall’altro, evitando di medicalizzare in modo irrazionale.

Se il trattamento della sintomatologia depressiva è complesso e necessita di attenzione ed appropriatezza di trattamento, dall’altro il concetto di schizofrenia ha da sempre infiammato profonde discussioni nel corso degli anni, a partire dalla definizione diagnostica per giungere anche, e soprattutto, alle implicazioni patogenetiche: in tal senso Buscaglia e Ciancaglini affrontano il difficile tema della schizofrenia nel secondo articolo della rivista.

Gli autori esortano qui il lettore a riflettere sull’importanza del ruolo dello studio nel tempo e nello spazio della distribuzione della schizofrenia nella popolazione. Nell’articolo sono discussi i progressi metodologici al fine della valutazione scientifica della schizofrenia. È indiscutibile la rilevanza che ha per la difesa della salute mentale e per la cura della psicopatologia conoscere il ruolo dei fattori biologici, psicologici e sociali (e delle loro interazioni) nella comparsa, nel decorso e nell’esito dei disturbi mentali.

Infine, un capitolo non marginale della psichiatria generale è rappresentato dalla psichiatria forense che costituisce un importante esempio di collaborazione tra discipline diverse che affrontano la medesima problematica.

Un confronto finalizzato a ottimizzare la collaborazione tra l’attività giudiziaria e talune situazioni d’interesse psichiatrico è descritto da Pisseri che riassume dettagliatamente gli argomenti trattati al Convegno dei Magistrati dal titolo “L’autore di reato con problemi psichiatrici”, svoltosi lo scorso 15 marzo.

L’incontro è stato animato dalla partecipazione di professionisti che, nel quotidiano, si occupano di psichiatria e giustizia, e fornisce anche ulteriori nozioni e approfondimenti ai professionisti del settore e non solo. Il Convegno ha permesso di fare il punto della situazione sul trattamento degli autori di reato psichicamente compromessi, con vari e attualissimi riferimenti su leggi e opportunità di presa in carico/cura/riabilitazione.

Mi sembra utile segnalare che il dibattito forse più interessante si è concentrato sulle reali possibilità a disposizione degli operatori del settore, anche e soprattutto in funzione della riforma riguardante gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari.

Questo numero si presenta indubbiamente alquanto interessante, e invita il lettore ad approfondire diverse posizioni su specifici argomenti psichiatrici: questo confronto per paradosso, può rappresentare la modalità più vantaggiosa per far affiorare il valore dei presupposti che ci uniscono.

 

Buona Lettura

 

Cristina Rambelli

Download PDF del numero